top of page

QUERCETINA


La quercetina, flavonoide appartenente alla sottoclasse dei flavanoli, si trova in numerosi alimenti: mele, frutti di bosco, Crucifere, capperi, uva, cipolle, scalogno, tè, pomodori e radicchio. Il tipo di coltivazione influenza significativamente la quantità di quercetina contenuta nell’alimento, ed è stato osservato che la coltivazione biologica ne favorisce maggiori concentrazioni 😉


In uno studio su 36 volontari sani è stato osservato che la somministrazione di un integratore contenente quercetina in forma di aglicone e a diversi dosaggi (50, 100 e 150 mg/die per 2 settimane) comportava un aumento della concentrazione plasmatica di quercetina del 178%, 359% e 570%, rispettivamente, con una certa variabilità indipendente dal sesso e dalla composizione corporea dei soggetti, e maggiormente influenzata dalla composizione del pasto (la quercetina si assorbe meglio in presenza di grassi e di FOS)


Studi sulla biodisponibilità dimostrano che la biodisponibilità di quercetina da fonti alimentari o da integratori non cambia e dimostrano che moderati dosaggi di quercetina sono sufficienti ad assicurare elevate concentrazioni plasmatiche.


L’emivita plasmatica della quercetina è mediamente di 16 ore (11-28 ore), il che rende sufficiente la mono-somministrazione giornaliera. Si distribuisce in numerosi tessuti e viene accumulata prevalentemente all’interno dei mitocondri.


Azione antiossidante:

I radicali liberi possono causare seri danni alla cellula mediante la loro interazione con DNA, membrane plasmatiche e proteine, contribuendo all’insorgenza di patologie degenerative, tumori e invecchiamento.


L’effetto antiossidante della quercetina, dimostrato in diversi studi in vitro e in vivo, si esplica principalmente attraverso l’azione come agente riducente e protegge le membrane dalla perossidazione lipidica in più è in grado di regolare i livelli di glutatione inducendone la sintesi.


E` stato scoperto che la co-somministrazione di quercetina e vitamina C favorisce e potenzia l’effetto anti-ossidante della quercetina stessa.


La quercetina esercita inoltre azione modulante sugli enzimi di fase I e fase II dei processi di detossicazione epatica, riducendo complessivamente i livelli di stress ossidativo e l’attivazione di agenti cancerogeni. Agisce anche come agente chelante, in particolar modo per cadmio e piombo con cui forma complessi stabili che possono essere efficacemente eliminati.


Azione antimicrobica:

La quercetina si è dimostrata efficace contro numerosi virus: studi in vitro e in vivohanno confermato l’azione antivirale contro HIV e altri retrovirus, Herpes simplex (HSV) tipo 1, polio-virus tipo 1, virus dell’influenza A, parainfluenza tipo 3, epatite C (HCV), virus respiratorio sinciziale (RSV), Dengue, rinovirus, adenovirus, coxackievirus, citomegalovirus e coronavirus.


Il meccanismo con cui svolge la sua azione antivirale è complesso e riguarda l'inibizione dell’ingresso del virus nella cellula: l’effetto massimo si osserva quando la quercetina è somministrata in prevenzione e il blocco dell’assemblaggio dei virioni.


La quercetina possiede anche attività antibatterica contro Salmonella enterica Typhimurium, Pseudomonas aeruginosa, Helicobacter pylori, Staphylococcus epidermidis, S. aureus, Escherichia coli, Porphyromonas gingivalis; azione antimicotica contro Candida albicans, Cryptococcus neoformans e Aspergillus niger, e azione inibente la crescita di diversi Protozoi.


Azione anti-infiammatoria:

Diversi studi in vitro e in vivo hanno dimostrato la sua capacità di inibire il rilascio di citochine pro-infiammatorie, istamina e riduce l’espressione della proteina C reattiva.


Azione immunomodulante:

mediante la stimolazione dei linfociti Th1

Potenzia l’azione litica dei linfociti natural killer (NK), la chemiotassi dei neutrofili, e sostiene la proliferazione dei linfociti Th1

Esercita effetto inibitorio sull’attivazione delle cellule dendritiche; stabilizza i mastociti, inibendo il rilascio di istamina e serotonina da parte dei mastociti intestinali, ed esercita effetto citoprotettivo a livello gastro-intestinale. Inibisce inoltre la produzione di IL-6

La quercetina svolge complessivamente un’azione modulante, bifasica e regolatoria sulle funzioni immunitarie e sull’infiammazione.


Altre azioni:

La quercetina si comporta come ionoforo nei confronti dello zinco libero: in presenza di quercetina, infatti, si forma un chelato con lo zinco e questo complesso è in grado di attraversare la membrana plasmatica senza l’utilizzo di trasportatori. In questo modo la quercetina è in grado di favorire l’assorbimento dello zinco e la co-somministrazione rappresenta quindi un’ottima azione sinergica per migliorare l’assorbimento di questo catione che è fondamentale per sostenere le funzioni del sistema immunitario.


In uno studio nei topi è stato osservato che la quercetina agisce come prebiotico, migliorando la disbiosi indotta da antibiotici e aumentando la diversità microbica del microbioma; inoltre la quercetina protegge l’integrità dell’epitelio intestinale preservando le funzioni di barriera, e aumenta la produzione di butirrato 😉


Quindi è possibile integrarla con la dieta per:


- Prevenzione dell’insorgenza di infezioni;

- Asma, allergie e dermatite atopica;

- Problematiche epatiche (riduzione dell’ALT e protezione dal danno ossidativo causato da alcol);

- Malattie neurodegenerative;

- Esofagite da reflusso;

- Infezione da H. pylori;

- Prostatite e cistite interstiziale;

- Artrite;

- Sindrome metabolica e obesità;

- Nutrizione dello sportivo.


La quercetina è in grado di potenziare l’effetto di altri polifenoli, ad esempio la curcumina e il resveratrolo, quando somministrati insieme. Inoltre è in grado di potenziare l’effetto antimicrobico di alcuni antibiotici.

La quercetina è una molecola sicura e ben tollerata. Dosi fino a 1 grammo/die per diversi mesi non hanno rilevato effetti indesiderati nè alterazione dei parametri ematici di funzionalità renale ed epatica. Inoltre, dosi basse di quercetina, fino a 150 mg/die, sono in grado di innalzare significativamente la concentrazione ematica di quercetina e hanno dimostrato importanti effetti biologici sull’uomo .

Diciamo che 200mg/die è la dose ottimale di integrazione.


Non sono state riscontrate particolari interazioni tra la quercetina e la maggior parte dei farmaci; le uniche eccezioni sono per la digossina e i fluorochinoloni.


BIBLIOGRAFIA

1) Kelly GS. Quercetin. Alternative Medicine Review, 2011, 16(2):172-194.


2) Egert S et al. Daily Quercetin Supplementation Dose-Dependently Increases Plasma Quercetin Concentrations in Healthy Humans. J. Nutr. 2008, 138: 1615–1621.


3) Amić A, et al. Free radical scavenging potency of quercetin catecholic colonic metabolites: thermodynamics of 2H+/2e – processes. Food Chemistry 2017, 218:144-151.


4) Arif Tasleem J, et al. Dietary Flavonoid Quercetin and Associated Health Benefits—An Overview. Food Reviews International 2010, 26: 3, 302-317.


5) El-Saber Batiha G, et al. The Pharmacological Activity, Biochemical Properties, and Pharmacokinetics of the Major Natural Polyphenolic Flavonoid: Quercetin. Foods 2020, 9, 374.


6) Xu D et al. Antioxidant Activities of Quercetin and Its Complexes for Medicinal Application. Molecules2019, 24, 1123.


7) Robaszkiewicz A et al. Antioxidative and prooxidative effects of quercetin on A549 cells. Cell Biology International 2007, 31:1245-1250.


Colunga Biancatelli RML, et al. Quercetin and Vitamin C: An Experimental, Synergistic Therapy for the Prevention and Treatment of SARS-CoV-2 Related Disease (COVID-19). Front Immunol. 2020, 11:1451.


9) Khan MF, et al. Identification of Dietary Molecules as Therapeutic Agents to Combat COVID-19 Using Molecular Docking Studies. Research Square; 2020. DOI: 10.21203/rs.3.rs-19560/v1.


10) Li Y, et al. Quercetin, Inflammation and Immunity. Nutrients 2016, 8, 167.


11) Rasouli H, et al. Polyphenols and their benefits: A review. International Journal of Food Properties, DOI:10.1080/10942912.2017.1354017.


12) Kawabata K, et al. Functional properties of anti-inflammatory substances from quercetin-treated Bifidobacterium adolescentis. Bioscience, Biotechnology, and Biochemistry, 2018, 82:4, 689-697.


13) Shi T, et al. Quercetin improves gut dysbiosis in antibiotic-treated mice. Food Funct. 2020, 10.1039/ d0fo01439g. doi:10.1039/d0fo01439g.

Comentarios


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page